La fogna mediatica

Se c’è una cosa per la quale Sava può vantare un autentico primato è la mancanza della fogna.

Pare infatti, che dei pochissimi paesi italiani senza una rete fognante in funzione, Sava sia il più grande – per la cronaca circa 17000 abitanti. Se ho specificato “in funzione” è perché in realtà la rete fognante esiste, costruita in più riprese negli ultimi 25 anni, ma il depuratore a cui è già collegata, nel territorio del vicino comune di Manduria, non è a norma, e comunque non sarebbe in grado di accogliere i reflui delle oltre 5000 abitazioni potenzialmente “allacciabili” in Sava.

Qualcuno che leggesse queste righe da marte, o da Cinisello Balsamo, potrebbe chiedersi: ma come si può vivere in un paese così? Risposta semplice e scontata: di merda. Ma non per questo meno veritiera, in senso letterale.

Premessa: chi non ha un allacciamento alla rete fognante, deve (o come vedremo, dovrebbe) munirsi di una fossa settica, o fossa imhof, che raccoglie le acque nere e da cui periodicamente vengono prelevati i prodotti sedimentati delle deiezioni.

in realtà, ciò è valido solo per un 10% dei casi, principalmente esercizi commerciali, per la rimanente parte delle abitazioni savesi, i liquidi vengono dispersi direttamente nel sottosuolo.

(1 – continua)

One thought on “La fogna mediatica”

  1. Ciao, cnsiderando che Tu non leggi Viva@Voce Ti mando quanto da me scritto in riferimento all’ultimo Consiglio Comunale.
    Umiltà ed Umiliazione
    Non sono la stessa cosa. La prima è una qualità di chi la possiede. L’altra è la conseguenza della prepotenza altrui.
    Il sig. Giuseppe De Maglie, Presidente del Comitato per la salute pubblica, è una brava persona. Veramente.
    Pur essendo una persona intelligente, preferisce non apparire tale per forza.
    E’ umile. Come molte delle persone che aderiscono al comitato.
    Ma proprio per questo non andrebbe umiliato. Né come persona; né come Presidente del Comitato.
    Quello che è accaduto venerdì prima del Consiglio è vergognoso. Intendetemi: non per lui, ma per i Consiglieri comunali di Sava.
    Codesti Signori e grandi professionisti dovrebbero ricordare che loro compito è pure ascoltare e che non c’è alcuna norma che impedisca ad un Presidente di una associazione di cittadini di essere sentito in sede consiliare prima dell’inizio dei lavori. L’appellarsi ad una (fantomatica) legge, guardandosi bene dal farne nome e cognome (numero ed anno di pubblicazione) è solo manifestazione di prepotenza e volontà di umiliazione verso chi pure si è presentato educatamente e con umiltà a chiedere qualcosa per il bene dei cittadini.
    Se anche fosse esistente tale fantomatica legge, si ricordino costoro che la legalità senza politica si riduce, alla fine, a conservazione dell’esistente. Ma Sava non può conservare l’esistente. Perchè il nostro esistente è nella merda. Dunque, conservando l’esistente, non faremo altro che conservarci nella merda.
    Cosimo Saracino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...