Io c’ero

Si Indiscreto, blog imperdibile per gli amanti del calcio e dello sport in genere, c’è un post su un libro dedicato al Milan degli anni bui, quelli pre-Berlusconi per ntenderci, dal titolo “Quando il Milan era un Piccolo Diavolo”:

La stagione 1980/81, il primo campionato in B, con la sconfitta per 3 a 0 a Taranto,

Friendfeed, un paio d’ore fa

che si diranno michelle obama e isabella rauti io non so – Antonella

“ma dimmi, com’è essere negre? normale? ma pensa, chi l’avrebbe detto” – miic

Fra poco nemmeno ci scandalizzeremo più, di queste minchiate

In campana

Piano a dire quello che pensate di certi pubblici ufficiali. Sempre dal ddl sicurezza:

Chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico e in presenza di piu` persone, offende l’onore ed il prestigio di un pubblico ufficiale mentre compie un atto d’ufficio ed a causa o nell’esercizio delle sue funzioni e` punito con la reclusione fino a tre anni. La pena e` aumentata se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato. Se la verita` del fatto e` provata o se per esso l’ufficiale a cui il fatto e` attribuito e` condannato dopo l’attribuzione del fatto medesimo, l’autore dell’offesa non e` punibile.

Fascisti su marte

Rispetto alle norme del ddl sicurezza che riguardano specificamente gli stranieri residenti in Italia, la chiara strategia del governo è fare terra bruciata attorno agli irregolari, introducendo ostacoli ad attività di primaria importanza […]
Di questa strategia colpiscono due cose — al di là della questione semantica riflessa nell’associazione tra criminalità e immigrazione irregolare senza distinzione alcuna. Primo, l’assurdità. In base allo stesso principio infatti si potrebbe imporre al panettiere di controllare il permesso di soggiorno di chi compra il pane, al barista il permesso di soggiorno di chi ordina un caffé, e al cassiere del supermercato il permesso di soggiorno di chi compra un paio di mutande (pulite, per carita’!). Quale sarebbe la differenza? L’assurdità (oltre alla vigliaccheria, ma questo è un giudizio morale e soggettivo) sta nel voler constrastare la clandestinità aspettando lo straniero ad ogni possibile varco, con l’unico possibile risultato di moltiplicare i margini di clandestinità: almeno fino alla settimana scorsa gli irregolari potevano alloggiare e fare rimesse in maniera legale.

Secondo, colpisce la macroscopica assenza. Cioé si vuole punire chi cura, chi dà alloggio, e chi trasferisce denaro per gli irregolari, ma non chi li assume (naturalmente in maniera irregolare) alle proprie dipendenze. Se pago un affitto e trasferisco denaro è perché ho un reddito e quindi, nella maggioranza dei casi, lavoro per qualcuno. Quindi da un lato si vogliono contrastare con ogni mezzo (anche quelli più assurdi, appunto) gli stranieri irregolari. Dall’altro si riconosce implicitamente che i datori di lavoro (incluse le famiglie) ne hanno bisogno. Se il governo fosse coerente rispetto agli obiettivi dichiarati si concentrerebbe su chi, probabilmente, dall’irregolarità beneficia maggiormente nella forma di manodopera e servizi a basso costo. Questo, ad esempio, è l’approccio dell’amministrazione Obama.

(noiseFromAmerika)