Ta-Da!!

In nemmeno quattro anni eccoti subito serviti i parcheggi a pagamento! Da martedì 1 settembre.

15 pensieri riguardo “Ta-Da!!”

    1. si, pure secondo me, e detto da quello che ha voluto istituire i parcheggi a pagamento non � poco. il fatto � che il disco orario non funziona, perch� noi savesi siamo furbissimi, e ogni ora andremmo a cambiare l’orario del disco (orario). poi i vigili girerebbero per un dieci minuti al giorno per la prima settimana, e amen, il quadro � completo. siamo arrivati cos� al nocciolo del problema, il mancato controllo della viabilit�, ma non � , a parer mio, argomento sufficiente per non tentare qualcosa di nuovo per quanto meno arginare il problema, con il benaltrismo non se ne esce. si usa troppo la macchina, e senza alcun controllo. vediamo come va.

      ___________________________________________ Corrado Agusto

  1. è giusto pagare il parcheggio solo per andare a bere un caffè, per fare un acquisto o semplicemente per andare a lavorare? Sava non è una grande metropoli, e presto avremo delle vie completamente prive di auto, per non parlare poi dell’affllusso ridotto nelle attività commerciali. Le polemiche giungeranno presto….

    1. mah, dieci centesimi per dieci minuti mi sembrano una cosa ragionevole. attualmente parcheggio non se ne trova, e girare per dieci minuti per poi parcheggiare quasi sempre in doppia fila, o comunque in divieto, anche quello alla fine è un costo. che le polemiche arriveranno prestissimo, poi, quello è assodato, ma le soluzioni proposte in alternativa hanno già dimostrato di non funzionare.
      vedremo…

  2. quindi , a conti fatti un’ora di parcheggio costa 0,60 cent, per 4 ore al giorno viene 2,4 euro, per 30 giorni 72 euro …. 72 euro al mese destinati solo per il parcheggio, tenendo conto che una persona lavora per circa 300 euro mensili, è una cosa ragionevole? specifico che è solo un’osservazione per far riflettere, non per far polemica.

  3. tanto per dare i numeri: per i residenti l’esborso annuo sarà di 600€. Il centro è interessato dai parcheggi a pagamento (a parte C.so Umberto), una zona dove i residenti sono perlopiù pensionati. A Sava ci sono circa 7500 immobili, occupati 5300, 2200 di quelli vuoti si trovano in centro e semicentro. Il costo di questi immobili, tenuto presente il loro stato, è piuttosto elevato e scoraggia il loro acquisto. Tra l’altro la conformazione di questi immobili è piuttosto distante dagli standard richiesti dalle giovani famiglie e comunque solo pochissimi hanno dei vani da adibire a garage. Chi si sobbarcherà l’acquisto di un immobile in centro sapendo che ci sarà una tassa aggiuntiva di 600€?
    Ma noi abbiamo un bel centro, pieno di gente, con bei locali e gli abitanti del paese aumentano (-220 negli ultimi 2 anni e mezzo). Tempo qualche anno e la piazza sarà un deserto (già lo è) di cani randagi e farmacisti sulle panchine a est 😉

  4. Sava non è un paese molto grande, e forse molte persone inizieranno a camminare o ad usare la bicicletta. Vediamo questi pargheggi come un’opportunità e non come una cosa negativa.
    ciao

  5. Daniele dice :”e forse molte persone inizieranno a camminare o ad usare la bicicletta”

    🙂 magari!
    Ma io intendevo qualcos’altro, e quì vedo che, come su altri argomenti, i respiri sono corti…peccato

  6. solo i vecchietti che vanno in piazza potrebbero usare la bicicletta o andare a piedi, ma chi usa l’auto per necessità, per accompagnare i figli a scuola e andare al lavoro ( le due azioni sono consecutive, non so se mi spiego) si vede costretta a selezionare le strade esenti da parcheggi a pagamento, di conseguenza prive di parcheggio…. vedremo cosa succederà, secondo me avranno durata breve, o meglio , spero che sia così.

  7. Ho il sospetto che siano pochi a usare l’auto per vera necessità. La verità è che nei piccoli centri si tende a usare la macchina molto di più, anche per andare a comprare il pane a due isolati magari; e persino la distanza dalla piazza a Niculina sembra eccessiva, per dire. Se i parcheggi a pagamento possono servire a usare meno la macchina, ben vengano. Poi si possono trovare soluzioni alternative. Ad esempio (AD ESEMPIO) quella del car-sharing: due, tre o anche quattro persone con esigenze conciliabili possono a turno usare una sola macchina e dividere le spese. Contribuendo, sempre che a qno interessi, a diminuire l’inquinamento e i consumi. Il problema è che siamo tutti chiusi nel nostro isolamento e nelle nostre abitudini

  8. @ Deborah: non per fare polemica, come dicevi tu, ma mia madre mi accompagnava a piedi (alzandoci 15 min prima) dal fondo di via San Francesco alla bonsegna. ci impiegavamo circa 10 minuti a piedi.Alla papa giovanni ci andavo da solo (a piedi o in bici eccetto giornate di pioggia che passava il nonno e caricava il pandino di marmocchi ?car sharing arcaico?)
    conosco gente che per comprare il pane da potenza fa il giro 18 vote finche non si libera il posto proprio lì davanti…ma andate a ….
    quello che voglio dire è: percorrere sava da punto estremo all’altro non è un impresa da eroi.
    Tornando ai parcheggi, si verificherà la solita solfa che se conosci l’ausiliare o il vigile, implorandolo :” mena scià mo tornu ” alcuni non pagheranno e altri neanche.
    Per non parlare dei parcometri che nel piu breve tempo possibile verranno demoliti dai vandali fancazzisti di sava.
    Ecco come vedo il mio paese.

  9. probabilmente sara’cosi’ ,i parcometri verranno demoliti,cercherete di non pagare ,”io a sava ci dormo soltanto ” forse qualcuno in piu’ usera’ la bicicletta e questo da cicloamatore mi fa’ piacere ,ma mi scusi ” il car sharing” per andare alla potenza e’ esilerante e siamo esalatai da cotanta cultura noi poveri savesi, che usiamo la macchina per andare da niculina ,e che parcheggiamo in terza e quarta fila per andare a prendere i bambini a scuola , (se vai in vespa sembra che vieni dalla luna !!!!)ma questo e’ il ns paese, i parcheggi a pagamento servono ad altro.. e domani mattina vedremo a cosa …..P.S.PERO ‘IL CAR SHARING PAESANO A SCUOLA E’ UNA REALTA’ PRESENTE MA SI CHIAMA DIVERSO( “c’e’ passi ca li sci piiamu ansiemi”).

  10. @sasà Sì in effetti hai ragione, è meglio che nienti cambi per essere sicuri che tutto rimanga uguale. Le cose potrebbero anche andare meglio, si potrebbero scoprire/riscoprire startegie di adattamento, ma è più probabile che vadano peggio. Mi figuro scene da giungla urbana, con cittadini in rivolta e incolpevoli parcometri distrutti, e uomini cinici e saggi che guardano e annuiscono perché loro lo sapevano (magari godendone pure un po’). Sì, sempre meglio pensare al peggio. Continiuamo così, facciamoci del male (tanto per citare Nanni Moretti e peggiorare la mia situazione, dopo aver usato parole inglesi quando ci sono più pregnanti – lo riconosco – perifrasi in dialetto savese. E voto pure Piddì. E Berlusconi lo disprezzo. Sono giusto un gradino più in basso dei giovani comunisti ubriachi che non si lavano i capelli, insomma 🙂

  11. ma e’ fantastico hai capito tutto ,….puoi continuare a votare PD tranquillamente ,i savesi accorti ( e quelli che possono)lascerano a casa la macchina e prenderanno la mia amata bici,poi io Moretti non lo amo ma a volte e’ divertente, Berlusconi lo voto ,e non per questo mi lavo i capelli…facciamo cosi’ vediamo i primi giorni se come penso io i parcheggi a pagamento servono a “sistemare “qualcuno dureranno poco ,se invece c’e’ un progetto di sfoltimento del centro e si prenderanno le altre decisioni necessarie allora sara’ un bene per tutti.

  12. @ sasa’
    secondo me hai ragione nel pensare a male rispetto a clara che comunque la pensa come io vorrei effettivamente pensarla…
    anche perchè appena qualche buon direttore di “testate locali” si accorgerà che i vari esponenti politici parcheggieranno senza pagare nulla, come auspico anche moltissimi dipendenti comunali, vedrete se la bomba non scoppierà!
    Però romanticamente penso a come sarebbe bello che per una volta tutti pagassero e non solo i poveri fessi come me che non conoscono raccomandazioni o facce toste del caso…
    Il mio pensiero romantico però si scontra con la cruda realtà quando penso a come sia intasata di macchine parcheggiate in mezzo alla strada la zona dove abito, all’ora di entrata e uscita dalla scuola gigante, con vigili urbani inermi e indifferenti pur essendo la strada chiusa al traffico in tali orari…
    siamo a Sava, purtroppo, e non fa differenza che al posto del indaco ci sia moretti, berlusconi o grillo: fanno tutti “ridere lacrime amare”!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...