The day after

Questa cosa qui è già successa, identica, nel 2004, e sappiamo com’è andata a finire. I processi sono andati avanti, Ghedini s’è dato da fare, e non è cambiato nulla. Per liberarci di Berlusconi la strada è sempre e solo una: prendere un voto più di lui. La festa è finita ieri sera, è il caso di rimetterci al lavoro.

Detto ciò con le parole di Francesco Costa,  vi dirò che la cosa che più mi ha fatto inorridire in una lunga serata passata fra tv e friendfeed è stata la terrificante cafonata di Berlusconi nei confronti di Rosy Bindi: se stiamo ancora a “quanto sei brutta”,  questo è solo un sintomo dell’abisso in cui questo paese è precipitato. Ma la cosa più grave è che nessuno fra i politici e i giornalisti  (volano parole grosse, scusatemi) presenti in studio abbia avuto un minimo sussulto di dignità – quella più sana, quella che ti fa difendere gli altri quando meritano di essere difesi, e non solo sussultare quando è il tuo culo ad essere minacciato.

La Bindi ha tenuto un atteggiamento notevole, e la sua risposta  è stata grande “Non sono una donna nella sua disponibilità”, visto che non poteva nè scendere al suo livello (magari “Lei è più alto che educato”), e nemmno andarsene (le solite donnine isteriche che non ce la fanno a reggere un confronto “maschio”); ma sarebbe stato molto meglio se a prendere le sue difese fossero state delle persone civili presenti in studio.

Certo, avrebbero dovuto invitarle, prima.

Per il resto, quasi solo cazzate. Divertenti, però.

Annunci

26 pensieri su “The day after”

  1. La Bindi è la solita zanzara fastidiosa che sistematicamente sovrappone la sua voce a quella dell’interlocutore in quel momento autorizzato a parlare. Sicuramente Berlusconi ha sbagliato ad eprimersi in tal modo sulla Bindi (non sempre bisogna dire quello che si pensa), ma non è certo bello ed edificante essere insultato ed offeso in continuazione. Ci si strappa le vesti, ipocritamente, se si esprime un giudizio sulla Corte e sul Presidente della Repubblica, che non sono certamente la scienza esatta. Se fosse così il voto sarebbe stato unanime, mentre il 9 a 6 indica che non c’è certezza di diritto: o sono in malafede 6 e in buona fede 9 o sono, in punta di diritto, asini 6 e bravi 9. opurre viceversa in ambedue i casi. Belusconi, in fin dei conti, ha detto che la Corte è politicizzata e che Napolitano con i presidenti della Repubblica precedenti hanno nominato 5 di questi componenti. E’ chiaro che questi sono di tendenza sinistroide e data la campagna fatta precedentemente dalla Dinistra e IDV contro il Lodo, è sembrato naturale che questi giudici decidessero in tal senso. Allora rispetto per le Istituzioni, per le loro decisioni, ma non dobbiamo credere che questi Signori siamo intoccabili, nonostante la loro nomina sia discrezionale, e poi insultare in continuazione un’altra Istituzione, scelta da popolo.
    Ritornando alla Bindi, mi pare che la sua risposta “alla grande” a Berlusconi sia stata ancora più pesante. Meno male che Belusconi si è trattenuto, perchè avrebbe potuto replicare dicendo di essere “il solito fortunato”.

  2. ma nonno franco, l’hai vista la trasmissione? B. stava delirado, stava dicendo che il capo dello stato avrebbe dovuto chiamare i membri della corte costituzionale e convincerli a votare diversamente. e tutti zitti. e l’unica cosa che sa dire il capo di governo è: zitta cessa. in queste trasmissioni tutti si parlano addosso ma nessuno ha mai detto a gasparri zitto cesso, anche se ce ne sarebbe bisogno.
    la risposta di bindi sarebbe pesante? e la grevità del modo in cui chiudi il tuo commento. corrado mi rimproverà per aver risposto alla tua bassezza, ma non potevo tacere. adesso capisco perché difendi B:, seicome lui, un uomo d’altri temp, ma non nel senso benevolo dell’espressione

  3. Se in casa mia qualcuno arriva e offende gratuitamente una mia ospite ,io lo metto alla porta. Il padrone di casa, in questo caso Vespa , ha abbozzato, come sempre. Ciò mi fa pensare che per Vespa il vero padrone di casa è sempre lui il
    padronedituttochecomandatuttoacuisigiustificatutto.
    Riguardo alle giustificazioni dei berlusconiani, come Nonno Franco, ormai non mi va più di parlare.

  4. Clara, per te tutti i sarcasmi che provengono dalla sinistra, in primis il meschino Vauro, son legittimi , se poi il sarcasmo viene dall’altra parte, apriti cielo. Sembra che ti abbia punto la taranta. Veneziani oggi scrive: “Tra i più accaniti miliziani e guerriglieri ci sono gli insegnanti, in particolare le donne. Sono acide, furenti, secernono veleni in classe e fuori, considerano l’intolleranza una virtù perché prova il loro impegno civile, la loro lotta di resistenza a oltranza. In treno, in aereo, per strada, al cinema perfino, mi capita di imbattermi in questi campioni: l’odio si avverte nell’aria.” Clara non voglio credere che tu possa far parte di questa categoria. Non sono un progressista nel termine che tu intendi ma nel termine che ritengo il più normale. Di questo ne sono orgoglioso. Poi tu non puoi permetterti di esprimere giudizi sul personale. I vostri argomenti sono pretestuosi che stanno innescando un clima pesante dove ci si scanna per il Lodo o peggio per la D’addaro.
    Ho visto la trasmissione. Non è come dici tu, Berlusconi ha solo detto che sia la Corte e sia Napolitano, che ha nominato, come Salfaro e Ciampi sempre di sinistra, 5 membri della Corte, son in maggioranza di sinistra, come lo sono tanti giudici. L’ho ribadito nel precedente post.
    Franco, Vespa si è comportato da vero padrone di casa, come si è comportato con Odifreddi che si è permesso di tacciare come p…ne le Ministre Gelmini e Carfagna. Ma Clara, non si scandalizza per le ministre, anch’esse donne, perchè sono di destra; per la zanzara Bindi si strappa le vesti disperata. Ma fatemi il piacere!

    1. eh no, quì non ci siamo proprio, qui si cade nella retorica sessista a quanto pare molto cara alle tematiche sociali di una certa destra. Veneziani, persona colta ed intelligente, qui l’ha fatta di fuori, indicando le donne come esempio di galoppante e dilagante intolleranza ed odio. Ma che c’entra? Cos’è, una difesa preventiva all’indignazione, giustificatissima, che pervade non solo le donne ma tutte le persone che hanno un minimo di dignità, per il messaggio deviante ed aberrante, proposto dai potenti di turno e dai media in generale, che sollecita gratificazioni e collocazioni nella vita sociale e civile di questo paese, ad icone femminili le cui qualità non provengono certamente dalle frequentazioni di aule scolastiche ed universitarie ma, molto più probabilmente da anticamere e salottini compiacenti?
      E non sparate la cazzata che io stia a fare un discorso bigotto, perchè andrebbe a finire, come al solito, che non si risponda mai in merito alle cose di cui si discute.
      Ce ne fossero di donne come Clara che dicono la loro e finiamola con il lassamo perde che non ne vale la pena. Ne vale la pena eccome! Le certezze che vengono alimentate dalla mancanza di contraddittorio, producono patologie da protagonismo, d’infallibilità ed è come se dessero la patente che autorizzi a sparare una qualunque cazzata. Fatto che poi, ovviamente, porta a conseguenze tragiche, quando in una situazione di potere, ci si sente autorizzati pure a fare qualunque cosa.
      E questi sono stati i miei due cents…

      1. “ad icone femminili le cui qualità non provengono certamente dalle frequentazioni di aule scolastiche ed universitarie”

        e questo non vuole escludere tutte quelle persone che pur senza studi, affrontano la vita con coraggio, dignità, onestà e sudore della fronte!

    2. Mozione d’ordine.
      La polemica mi sta anche bene, e qui non ci si tira certo indietro. Ma ad una condizione: che almeno si risponda nel merito e non si dia fiato alla voce solo per sport. Insomma, si deve almeno trovare un piano di comunicazioen che renda possibile lo scambio delle opinioni e un confronto nel merito delle cose. Rinfacciare cose che non hanno alcuna attinenza, e spesso sono del tutto false, rende la conversazioen simile a quella dei bambini dell’asilo, e io francamente ne faccio volentieri a meno.
      Qui è casa mia, e non vi caccia nessuno, ma certo, fin quando il tono è questo, mi ritiro nelle mie stanze a leggere il giornale, piuttosto. Il post di nonno franco è emblematico: invece, o prima di, rispondere nel merito, si buttano in mezzo altre cose che nulla hanno a che vedere, e per di più del tutto false, e solo per amor di polemica inutile.
      Citare Vauro, ad esempio, è un esempio di quanto dicevo, cazzo c’entra? Non mi piace, non mi fa ridere, e non credo di averne mai tessuto le lodi. Mi sarà piaciuta una vignetta ogni 6 puntate, forse. MA andiamo avanti: anche ammettendo, senza concederlo, che Vauro sia un argomento a me caro, sarebbe comunque del tutto mal centrato: se non si comprende la differenza fra un dialogo fra un presidente del consiglio e un avversario politico in uno “spettacolo di approfondimento”, e un disegnatore satirico per professione, allora o si è in mala fede oppure siamo ancora alle aste, e in ambedue i casi la conversazione per me finisce li.
      Come ultimo sforzo dialettico, forse inutile, provo a ribadire: se qualcuno viene su blog e dice “Tizio, stai zitto che sei basso” oppure “sei nero, quindi non capisci” per me viene bannato e amen, e non fa niente se ha la tessera del PD o in camera ha i post della Carlucci, è uguale. Di fronte a comportamenti del genere, dire NELLO STESSO CONTESTO “Si, però la Bindi ecc.ecc.” equivale ad una perfetta legittimazione del comportamento sessista e razzista di cui sopra, ed è, lo ripeto, un chiarissimo segnale, dell’abisso in cui la nostra società è precipitata. E non è solo colpa della tv e di Berlusconi, sia chiaro, ma certo l’approvazione di politiche razziste e maschiliste a tutti i livelli ne sono ad un tempo sintomo e propellente.
      E visto che ci siamo, fino a Parla con Me di avanti ieri sera, non sapevo nemeno chi cazzo fosse, Odifreddi, e se ha detto quello che dici tu, per me è ugualmente becero come il nostro PdC. Solo che, ti devo spiegare pure questo?, di cretini è pieno il mondo, e di presidenti del consiglio ce n’è uno solo, per fortuna. Spero tu colga la differenza, stavolta.
      Rimarrebbe da dire di Veneziani, ma qui davvero siamo al ridicolo: se dicesse che tutti i maschi passati i 50 anni, diventano maschilisti e superficiali, sarebbe uguale?
      Sarebbero questi i contributi al dibbbbattito degli “intelettuali di destra”?

  5. la BINDI un po’ come questo paese vecchio, brutto , ed irriformabile pieno di mestieranti della politica( compreso FINI )che solo il PD puo’ candidare pieno com’e’ di laureati in FILOSOFIA DELL’IMMAGINE?! o al massimo in scienze dell informazione, B. FA’ BENISSIMOad alzare i toni dello scontro fa ‘ male a rinunciare alla piazza, ma dicamo che per amor di patria evita una manifestazione muscolare… per il momento .comunque alla faccia del bilanciamento dei poteri a noi elettori resta solo il voto per il resto c’e’ la fantastica cosituzione italiana vera palla al piede di chiunque voglia cambiare veramente qualcosa in italia attraverso metodi democratici ,qualcuno questo lo aveva gia’ capito anni addietro …..

  6. Certo che se ne leggono di cretinate ! Secondo Nonno Franco la Corte Costituzionale non è una scienza esatta solo perchè non si è espressa con un voto unanime. Ma che discorso è ? A parte il fatto che 2 giudici erano stati a cena (addirittura nella casa di uno di loro, Mazzella), con la presenza di Berlusconi, Letta, Alfano e Vizzini. Stante questa frequentazione: 1) Si è tentato (riuscendovi in parte, dato che hanno votato a favore) di dare un indirizzo politico alla Corte e chi nega questo vive su Marte; 2) I due in questione non dovevano nemmeno far parte dell’assise proprio per non dare adito a sospetti, ma figurarsi se fossero arrivati a tanto ! Ogni volta che c’è Berlusca di mezzo deve sempre nascere un caso (chissà perchè…..)

    L’altra cretinata è credere che il lodo sia stato bocciato solo per la campagna fatta dalla Sinistra e da Di Pietro. Immaginatevi dei Costituzionalisti che emettono sentenze soltanto perchè invogliati dall’opposizione. Ammesso che sia cosi (e non lo è), mi pare che Berlusca sia molto piu potente di quelli….

    Ma la cretinata più cretinata è questa: non si può insultare un’Istituzione scelta dal…. popolo. Ma che dici, Nonno Franco ? Il PdC , in Italia, non è eletto dal popolo ma nominato dal Presidente della Repubblica dietro indicazione di una maggioranza (da verificare in Parlamento con voto di fiducia).
    Questo è il punto cruciale della scemenza che, detta da Berlusconi e ripetuta a pappagallo dai suoi, viene propinata talmente tante volte da diventare quasi vera. Il fatto è che, purtroppo, sulla scheda elettorale viene indicato, questo si in modo populistico, un nome come candidato Premier, quasi a voler dare al corpo elettorale la sensazioni che questo elegga il proprio PdC. Il popolo elegge solo i membri del Parlamento e nient’altro. La controprova sta in questo paradosso: immaginate che, il giorno dopo le elezioni, i parlamentari della maggioranza che esce vittoriosa dalle urne si mettano d’accordo su un nome diverso da quello stampigliato nel simbolo sulla scheda (Berlusconi Presidente). Mettiamo che impazziscano e indichino Tremonti. La delegazione dei partiti che rappresenta la maggioranza (Pdl e Lega) sale al Quirinale e indica Tremonti. Quello prende atto e lo nomina.
    Recita l’art. 92 comma 2 della Costituzione: “Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri”.

    Tutto il resto sono chiacchiere e populismo. Tant’è che su questo “specchietto per le allodole”, costituito dalla surrettizia indicazione del nome del Pdc sulle schede elettorali, si vuol porre un giudizio di costituzionalità.

  7. Caro Argo se la mia è una scemenza formale la tua è una scemenza sostanziale. L’art. 92 c. 2 della Costituzione recita “. il presidente… bla…. bla… bla….” ma lo sanno anche le pietre che, finchè non sarà modificata la Costituzione, è ormai prassi consolidata che il PdC viene si nominato dal Presidente della Repubblica, ma perchè indicato dal popolo come lo è stato con Prodi. Argo non fare il finto tonto: è solo aspetto formale, la sostanza è che il popolo ha voluto, vuole e, se la sinistra non si da una mossa, vorrà il cavaliere, piaccia o non piaccia, nonostante Santoro, Corradino Mineo, Floris, Travaglio eccc. ecc. Se le mie sono, per te, cretinate (pensiero unico), tu sei cieco e sordo

  8. Corrado l’argomento del tuo post era l’offesa di B alla Bindi e quali le motivazioni. Di questo si sta parlando e citare Vauro e Odifreddi è servito solo a puntualizzare la differenza di giudizio che voi date a secondo le vostre convenienze cultural-politiche come ha fatto Franco e Clara. Non credo che si sia usciti fuori tema. A volte per argomentare un convincimento si fa riferimento rafforzativo ad argomenri correlati. Fa parte della dialettica e non vuol dire uscire fuori tema o fare sport di trollismo. Se poi chi la pensa diversamente da voi è fuori dal mondo o addirittura essere tacciato di razzizta o sessista, specie chi supera i 50 anni, c’è da stabilire qual’è il mondo giusto. Io personalmente, da sempre, vivo e opero tra le donne in piena sintonia e rispetto, non sono razzista per i miei pur brevi trascorsi in un villaggio del Senegal e per i rapporti con persone della Nigeria. Fatti e non “filosofia”.

  9. Ma siete proprio sicuri che in una eventuale elezione diretta del PdC Berlusconi vince facile le elezioni ? Io no. Sono sempre dell’avviso che debba ringraziare la lega e AN e tutti quelli che non votano.

  10. provo a fare un esempio di quello che intende corrado: se un bambino insulta una compagna di classe e il maestro lo rimprovera, secondo nonno franco è lecito che il bambino si giustifichi dicendo: “ma l’altra volta tizio ha insultato caio, e caio ha insultato sempronio” oppure: “ma lei mi ha parlato da sopra mentre stavo dicendo che il preside è un cretino”
    parliamo solo del fatto.
    il fatto che altre persone in altre circostanze abbiano insultato altre donne giustifica il PdC per avere, in questa circostanza, insultato questa donna?
    il fatto che questa donna abbia provato a intervenire mentre B. diceva delle cose alquanto discutibili (restiamo sul neutrale) giustica che il PdC (una figura pubblica di rilievo, non un perdigiorno del bar) l’abbia offesa per il suo aspetto?
    questi sono i fatti e questa la tua dialettica

  11. il resto diceva molto più di questo purtroppo. il modo in cui chiudi il tuo primo commento dice più di ogni altra cosa. forse non ti rendi nemmeno conto del tuo essere sessista (e il razzista di corrado era generico, per qualunque tipo di discriminazione). ma posso assicurarti da donna che ho trovato il PdC offensivo e volgare. e ho trovato offensivi anche i tuoi commenti. ma magari sono io ipersensibile. allora facciamo così, facciamo finta che non so se sei sessista, però so che le tue parole mi hanno ferito, e non come clara, ché non conterebbe niente, ma come donna

  12. per inciso, naturalmente avrei espresso la mia solidarietà alle minestre, fosse stato questo il tema, e già l’ho fatto in un commento altrove. anche perché ci sono tanti argomenti con cui attaccarle sul’operato

  13. Se qualcuna mi dicesse, “non sono a tua disposizione”, io mi sentirei offeso. Credo che ciò valga per chiunque. Poi battuta porta battuta. Sono solo entrato, per un attimo, nello spirito del Cavaliere.
    Se ti ho offeso come donna , ti chiedo scusa:non era nelle mie intenzioni. La mia voleva solo essere una battuta sulla bocca di B. e non è proprio il caso di dare eccessiva importanza. Prendila come battuta salace alla Vauro che tanto fa ridere.

  14. apprezzo le scuse per quanto temo che tu non abbia idea del perché le tue parole suonassero offensive.
    ma insomma, certi atteggiamenti mentali atavici non si estirpano come niente.
    non capisco però perché trovi offensiva la battuta di bindi. B. dice apertamnete che gli piacciono le donne e ama sedurre (l’ha detto pure a una conferenza stampa internaz). se una donna dice: “io non sono una che ci sta” preventivo c’è da offendersi? io avrei paura a stare in una stanza da sola con B., per dire

  15. Clara, la risposta della Bindi faceva chiaramente riferimento a quel che si dice (è vero?) di Palazzo Grazioli. Non fare la parte dell’ingenua. Intelligente quale tu sei hai capito il riferimento.
    Riguardo alla mia battuta, che rimane cmq spiritosa, non vedo che ci sia da capire. Se B. si circonda di donne (?) lo fa con quelle belle. Non è che ad un tratto la Bindi e diventata una Venere. Era questo lo spirito di risposta alla battuta di Bindi. Se poi mi sfugge qualche particolare per capire meglio quello che io ho detto, mi ragguaglierai.
    Francesco ciò vale anche per te: non mi ritengo e non lo sono un tombeur des femmes, ma se una donnna non proprio bella, tra l’altro antipatica e un po avanti nell’eta, mi facesse una battuta del genere, e sapendo che il riferimento è chiarissimo, risponderei “ma chi ti vuole.; meno male….” .E tu che non sei “sessista” come ti comporteresti?
    Mi sa tanto che ora vramente siamo usciti fuori tema.

  16. Nonno Franco… ma quale prassi consolidata ? Ecco i guasti del berlusconismo (e dei suoi lacchè): lo svuotamento materiale della Costituzione. Il suo populismo (unito al tuo) si poggia proprio sull’ignoranza sistematica del funzionamento delle Istituzioni. Non sopporta (o non sopportate) niente: l’iter delle leggi (vedi il ricorso ossessivo ai decreti legge), i ruoli di ogni soggetto (il Parlamento che legifera, il Governo che esegue e la Magistratura che controlla), l’informazione. Io mi preoccuperei un pò, non tanto per lui, ma quanto per l’ottusità con cui guardate la realtà delle cose. Due sono le ipotesi: o siete stati sempre cosi (cioè amate i caudilli) oppure siete irresistibilmente attratti da un mito buono solo a prendervi in giro con le barzellette. Infatti, credete ancora che le vicende di Palazzo Grazioli siano invenzioni giornalistiche.
    Io parlo di norme, tu parli di bla-bla. Io parlo di fatti (le cene coi giudici) e tu mi parli di mancata unanimità. Sei (siete) a corto di argomenti e di senso di analisi…

    P.S.
    Quando dici… Freud ! Ieri durante la conferenza stampa al CdM ha detto (con la solita aria da cumenda) “Ho spe-so …. duecen-tooo mi-lioniii di eu-rooo per consulenze e GIUDICI”.
    L’inconscio esce sempre quando l’uomo è debole e in difficoltà. Ha ammesso candidamente di aver comprato i giudici….

  17. Argo tu non riesci a scindere il livello delle regole scritte e le contingenze.
    1) Il Premier, di fatto viene scelto democraticamente dal popolo.Il presidente della Repubblica avalla, secondo la Carta, quello che ha deciso il popolo. Molto probabilmente il centro destra vince per merito di Berlusconi. Questo non ti esalta , ma è la realtà.
    2) l ricorso ai decreti legge è finalizzato all’accelerazione dell’iter di un provvedimento. E’ cmq sottoposto all’approvazione del Parlamento entro i termini di legge, pena la decadenza degli effetti. Non è solo prassi del Berlusconismo , ma è un’esigenza governativa di qualsiasi colore fosse la maggioranza. E’stato abbondantemente applicato anche dai governi Prodi e D’Alema.
    3) La Costituzione fin quando non sarà cambiata nella seconda parte ,è da rispettare. Questo non vuol dire che questa parte è da considerare “Vangelo”. Può essere anche criticabile in quanto legge positiva, fatta da uomini 62 anni fa.

    Non ha fatto certo bella figura Napolitano a non andare a Messina. Ma sono fatti suoi.

    P.S. Adesso vi scatenerete sul lapsus (non freudiano) . La frase completa pronunciata è “Ho speso 200 milioni di euro per consulenti e giudici… Scusate, per gli avvocati»
    In fin dei conti sono stati i giudici o magistrati a costringerlo a spendere i suoi soldi per difendersi. Loro si divertono a portarlo in tribunale inopinatamente, tanto, non pagano loro. Paga Berlusconi e Pantalone.

  18. be ‘ loro non hanno ‘ bisogno di “PAGARE ” i giudici sono loro dipendenti , fin dal primo giorno in cui entrano in magistratura se non hanno la tessera di M.D. li mandano in posti assurdi invece se fanno i buoni diventano on., presidenti di TRIBUNALE poi sindaco, poi tornano e RIFANNO I GIUDICI POI SCRIVONO LIBRI E TUTTI GLI FANNO PUBBLICITA’, POI METTONI IN GALERA INNOCENTI E PER PREMIO DIVENTANO EURODEPUTATI insomma basta che fanno il loro dovere ed hanno la carriera assicurata poi se per caso indagano su D’ALEMA ,FASSINO, da milano vengono trasferiti a cremona e nessuno(dico nessuno) parla .Siamo davanti ad una delle caste piu’ potenti d’italia, ingiudicabili , non criticabili ,governano senza essere stati eletti da nessuno amministrano la giustizia non in nome del popolo italiano ma per i loro comodi e della parte politica che gli assicura da 60 anni la copertura necessaria ,in cambio COOP e SINDACATI ECC.ECC. fanno quello che vogliono nessuno indaga su di loro in uno sqallido scambio di amorosi sensi.

  19. Ringrazio per la dedica.
    Ilvio Diamanti con la sua irreale e pretestuosa prolusione ci prova ad arrampicarsi sugli specchi, ma neanche con le ventole ci riesce. Bisogna chiamare i pompieri per farlo scendere, per il rischio che si rompa l’osso del collo.
    Ormai non c’e più lotta politica ma tentativo di prevaricazione da parte dei poteri forti rappresentati da De Benedetti, padrone di Diamanti e tessera n. 1 del PD. Ordine: mistificazione.

    Tolto il senso ironico ha fatto bene Diamanti a riportare:”Perché Napolitano non è “super partes”, ma di sinistra. Come tutte le altre istituzioni dello Stato. Corte Costituzionale e magistratura in testa. Non garanti. Ma soggetti politici. Di parte. Per questo Berlusconi non ne accetta le decisioni, ma neppure il ruolo. In pratica: considera le istituzioni dello Stato – e quindi la Costituzione – inadeguate.”

    Penso davvero che sono da rivederne le modalità di nomina ed i loro ruoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...