Ballarò, ieri sera

Che non si dica che qui si parla sempre male di Berlusconi, e per partito preso: non è vero niente. Noi (io) ne parliamo male perché dice e fa un sacco di cazzate. Troppe cazzate. E molto grosse anche.
Ogni tanto però ne dice una buona, e la battuta di chiusura del suo intervento di ieri sera a Ballarò lo è stata particolarmente: notevole per prontezza di spirito, e alla fine si ricorderà molto più di tutte le solite cazzate che aveva spruzzato prima. Televisivamente parlando, di solito recita solo dei monologhi, anche perché non si ricordano dibattiti in cui abbia trovato interlocutori all’altezza: di solito gli vengono abbinati zerbini travestiti da giornalisti, e anche così non l’ho mai trovato molto efficace (ribadisco: parlo di televisione, non di politica – o meglio: di dibattito politico in televisione, che non è proprio la stessa cosa)
Ieri sera invece, pur con un parterre di sinistra nettamente in vantaggio ai punti prima del suo intervento (sempre bravissima, la De Gregorio), li ha cappottati.
Fenomenale il tu tu tu tu tu finale.

Annunci

20 pensieri riguardo “Ballarò, ieri sera”

  1. La Bindi voleva fare la galluzza e poi, come al solito ha fatto la gallina, zittita da Floris. Aveva una voglia matta di gareggiare con B (magari zittirlo per gli ultimi 10 minuti, come se per contratto ne avesse tutti i diritti), quasi una rivalsa per il complimento di B. alla sua intelligenza.
    E’ antipatica e scorretta, (interrompe sempre come una zanzara), le piace strapparsi teatralmente le vesti ad ogni frasi di B. (ma insomma!…non è possibile!……). Ho pensato subito che ai soliti tentativi di interruzione strategici della Bindi, Berlusconi avrebbe sfoderato qualche frase delle sue. Non ci è cascato alle provocazioni della dolce Bindi. Certo avere come presidente del Pd la Bindi, se Prodi,altra mummia da eterno Lazzaro, non accetterà, non sarà proprio edificante. La verve di Concita si è subito sciolta come neve al sole contro B.
    Sei d’accordo che la battuta finale che, come tu dici, denota prontezza di spirito è anche sintomo di intelligenza ?. Ci fosse nel PD qualcuno intelligente come B e meno antipatico di D’Alema , allora si potrebbe sperare per il futuro.

  2. Floris ha commesso un grave errore in quanto non avrebbe dovuto nemmeno consentire all’utilizzatore finale di intervenire via telefono. Viene invitato parecchie volte in studio, sia li che da Santoro ma il nano rifugge il contradditorio perchè le busca sempre. Monologhi e monologhi. Hai da dire qualcosa ? Vieni a replicare in diretta e confrontati con gli altri. Ma il coraggio uno non se lo può dare e, da questo punto di vista, Floris è ancora lontano da Santoro. E il tu-tu-tu se lo sarebbe sentito nelle orecchie l'”unto del signore”…

  3. Penso che Nonno Franco dovrebbe scrivere sul Giornale o su Libero, lo stile e il linguaggio è quello e penso che lui lo prenda come un complimento. Comunque lo sguardo di Concita è emblematico. Come dire ma che c. parlo a fare è fiato sprecato, conviene non replicare, ti scontri contro un muro di gomma.

  4. Franco, lo sguardo di Concita era lo sguardo di un cane bastonato, che con la coda in mezzo alle gambe si accuccia in un angolo.
    Mi onoro di scrivere sul Blog paesano Di Corrado, finchè sarò sopportabile. Se non mi sarà possibile sarò…… Libero di scrivere sul Giornale. lo fanno in tanti. Parlo dei commenti in rete.
    Argo ma tu pensi che Berlusconi possa partecipare all’arena di Santoro e Floris? Non può mischiarsi con i frequentatori di “Bar dello Sport”. E’ un’Istituzione. Berlusconi aveva il diritto di intervenire, visto che si parlava del suo governo e di lui personalmente. Alla faccia della libertà di informazione!!

  5. ….”Berlusconi non può mischiarsi con i frequentatori di “Bar dello Sport”. E’ un’Istituzione”

    1) Sulla definizione di “Istituzione” c’è molto, ma molto da discutere. Di sicuro non può riferirsi a lui. Un corruttore, un iscritto alla P2, un puttaniere, un frequentatore di minorenni, uno che si fa leggi per sè al solo scopo di sfuggire ai processi, un malversatore (utilizza aerei dello Stato per fini propri, anche se poi archiviano le indagini) tutto può essere tranne che un’istituzione (anche con la i minuscola);

    2) Se non può mischiarsi con quelli da Bar Sport, non può farlo nemmeno telefonicamente. Altrimenti ti contraddici.

    3)La libertà di informazione, in questo caso, non c’entra proprio un fico secco. E’ stato invitato decine di volte per un dibattito con altri antagonisti, ma lui rifugge perchè non è in grado di sostenerlo. Diventa nervoso, pieno di tic e, dati alla mano, viene contraddetto clamorosamente. Ecco perchè si rifugia tra le braccia amiche del calabrone di Raiuno, rigorosamente da solo perchè un uomo di spettacolo, quale lui è, vuole le luci della ribalta tutte per sè.
    Se io ti invito e tu non partecipi mai, mandando i tuoi galoppini, non puoi pretendere di intervenire telefonicamente solo perchè parliamo di te, arrogandoti il diritto di stravolgere il palinsesto SOLTANTO PER SENTIRE LE TUE CAZZATE. Chiaro ?

  6. Io non ricordo che Prodi in qualità di presidente del Consiglio abbia mai partecipato a queste trasmissioni con altri antagonisti. Ci sarà un motivo. Una cosa avere come interlocutori dei giornalisti che conoscono le regole, un’altra cosa avere come interlocutori politici antagonisti che non hanno rispetto di regole e quindi dei telespettatori. Mi riferisco a politici indifferentemente di destra e di sinistra. Non mi pare che B. tremi di paura di fronte al contraddittorio, non so quali sono i tuoi dati alla mano. Lui non partecipa all’arena perchè è una’Istituzione, ti piaccia o no. Il palinsesto di una trasmissione lo stabilisce il conduttore e il conduttore lo pò modificare in corso d’opera. Questa è corretta informazione. Cmq è meglio ascoltare B. e non la Bindi.

  7. siamo alle solite se il PD elegge un presidente di regione a caso questi e’ un istituzione, se qualche milione di persone in varie elezioni vota B. questi non e’ un istituzione,….. la democrazia e’ un opinione!!!!

  8. Poi Clara si permette il lusso di parlare di Costituzione. Evidentemente ha letto solo la costituzione cinese. Ho l’mpressione che la sua ilarità sia solo il sintomo di viscerale odio nei confronti di B. Per lei tutto ciò che non è di sinistra la fa ridere. E’ evidente una grande cultura democratica. Già dimenticavo, prima del PD c’era il PCI.
    Di questo passo ci sarà un lungo tempo di risate per Clara. Attenta, però, potrebbe venirti il singhiozzo.

  9. quando vi renderete conto finalmente che il popolo non elegge il presidente del consiglio, magari ne riparliamo…
    l’Italia è una repubblica parlamentare e i cittadini eleggono i deputati e i senatori. Punto.
    il Presidente del Consiglio viene nominato dal Presidente della Repubblica in base alla maggioranza in Parlamento.
    ‘sta storia deve finire… è tutta una forzatura per dire che chi è eletto dal popolo è al di sopra di tutto…
    chi sbaglia (chiunque) deve pagare (e i cocci sono suoi)

  10. mi attribuiscono pensieri che non ho mai espresso e neanche concepito. io sono molto più interessata ad alber elbaz che a B. in ogni caso 😉

  11. Ah, a proposito della più grande Istituzione degli ultimi 150 anni. Pare che sia bello inchiappettato (quando dici.. le chiappe !) con la storia di Marrazzo. Cose davvero carine. Il video in mano all’utilizzatore finale custodito in cassaforte per utilizzarlo a tempo debito in campagna elettorale. Ma qualcosa è andato storto: intercettazioni casuali su un traffico di droga e si scopre che la Mondadori (Signorini –> Marina Berlusconi —> Silvio) ha in mano il video. Ma pezzi di magistratura lo avvisano che quel video è roba radioattiva: cosi la Grande Istituzione telefona a Marrazzo e gli supplica di comprarlo, ritirarlo dal mercato e far mettere una pietra tombale. Ma Piero è stato troppo lento e la bomba è scoppiata.
    Pare anche che la Grande Istituzione a sto punto possa essere coinvolto in ricettazione, dato che il video è frutto di molteplici reati penali.

    P.S.
    E nel frattempo pare che anche Gasparri si metta ogni tanto le calze a rete…

  12. Argo quando ti conviene parli della magistratura come potere previsto dalla Costituzione e guai parlare male di toghe rosse (non c’entra il sangue di Falcone e Borsellino), quando invece ti fa comodo parli di “pezzi di magistratura” (con disprezzo). La coerenza di sinistra ormai è un optional. Sul filmato fai in po di confusione e tessi con molta fantasia. Non c’entra la ricettazione in quanto la Mondadori ha rifiutato l’acquisto. Fra non molto direte che Marrazzo trans…itava perchè obbligato da B.
    Mi pare che in un altro post abbia già detto che agli italiani seri non interessa la camera da letto di Berlusconi, di Marrazzo o, come tu dici, di Gasparri. Chissà quanti ce ne saranno cui piaccciono le calze a rete; politici importanti e non , imprenditori, giornalisti, professionisti ecc…. Non mi interessa. Parlate contro l’omofobia, ma ho l’impressione che gli omofobi ed i falsi moralisti stanno proprio dalla parte cui tu Argo appartieni.

  13. nonno franco che pur di mantenere la sua posizione si trova costretto a difendere marrazzo che va con i transessuali a pagamento… priceless

  14. Vorrei che tu Clara rileggessi quello che ho scritto il 25/10 Incipit “Oarliamone”
    …….Le preferenze sessuali debbono rimanere nella sfera privata,.Ognuno di noi è libero nei suoi comportamenti e solo alla sua coscienza e ai suoi valori deve darne conto…………………………
    cmq, chi rappresenta le istituzioni deve essere esempio di rettitudine a tutto tondo…vita privata e pubblica che sia. Se s’intacca questo principio basilare tutte le istituzioni rischiano di apparire ridicole e non credibili ed è il sistema Stato a crollare ….. non vince la destra o la sinistra, perdiamo tutti. Questo valeva per Berlusconi , vale per Marrazzo, ma vale anche per tanti altri politici con tanti scheletri nell’armadio di cui la platea italiana è strapiena.
    C’è un punto fermo: chi usa questa vicenda a fini politici merita disprezzo come i carabinieri, esattamente allo stesso modo di coloro che hanno cavalcato per mesi il gossip relativo al Presidente del Consiglio. Non ci si può comportatre come bigotti, che predicano bene e razzolano male, purchè non si sappia…….

    Io non difendo Marrazzo che paga perchè ricattato: è da condannare. Lo difendo solo come persona con le sue debolezze. Non mi va di essere bacchettone. La politica condizionata è ben altro. Sono le banche, le lobby, il clientelisno, l’interesse privato, i poteri forti e quant’altro che condizionano la politica, da condannare perchè provocano danno alla comunità.

  15. Nonno Franco, nella foga di replicare spari inesattezze ad alzo zero. Mi sforzo di capire perchè tu non risponda mai nel merito di quel che scrivo …. ma tant’è…

    1) Non ho parlato e non sto parlando di scelte sessuali dato che appartengono alla sfera privata. Il riferimento a Gasparri è solo per ribadire il concetto “Da che pulpito vengono le prediche” quando si fanno “certe” leggi e si avanzano “certe” pretese.

    2) E’ evidente che non mi sto riferendo al contenuto del video quanto alle modalità (illecite e delinquenziali) con cui è stato girato e ai percorsi tortuosi che ha fatto per giungere in mani precise.

    3) Che il video sia stato in mano a Signorini, a Marina Berlusconi e Silvio è cosa assodata in quanto è lo stesso Signorini ad ammetterlo. Se ti rubano un documento ed io lo trattengo per vedere cosa farne, compio reato di ricettazione.

    4)Signorini può anche non averlo acquistato ma l’art. 640 del Codice Penale così recita “Chi, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve o occulta cose provenienti da un qualsiasi delitto o comunque s’intromette nel farli acquistare, ricevere od occultare, è punito con la reclusione da due a otto anni”.

    5) Che poi “certa” Magistratura non vorrà procedere per paura dell’utilizzatore finale è un altro paio di maniche…

  16. Ti piacciono molto i romanzi di D’Avanzo e ne condividi trama e conclusioni. Sei sicuro che Signorini, e direi tantissimi editori e giornalisti contattati siano responsabili del reato di cui alla’art. 640 c.p. e precisamente il loro comportamento sia dettato “al fine di procurare a sé o ad altri un profitto,…..”? a me non sembra. Ci sono già tanti teoremi giudiziari, a questi aggiungiamo quelli giustizialisti di D’avanzo e del suo editore. Ormai è diventato uno sport inquisire e accusare Berlusconi; forse anche per la pandemia in arrivo e perchè no?
    La mia teoria sul valore costituzionale della magistratura non è peregrina. Le rivoluzioni non sempre sono cruente e D’Avanzo ormai ne è diventato portavoce e suggeritore.

    P.S Ripeto: a me non interessano le tendenze di Gasparri, ma ho l’impressione che siano una bufala le allusioni su di lui. Il tuo riferimento è stato inequivocabile.

  17. no no non gli togliamo i giocattoli se no iniziano a far piu’ danni .
    bisogna combatterli nelle urne e li per il momento non c’ e’ problema.
    p.s.adesso poi che hanno scoperto il gossip magari iniziano ad apprezzare anche il G.F.!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...