Boomerang

Controllate la data…

Migliora il sito della tua farmacia

12 Dicembre 2005 | 11:18

Hai un sito? Vuoi migliorarne l’immagine? Vuoi mantenerlo sempre aggiornato? Vuoi arricchirlo di contenuti di salute e benessere? Farmacia.it ha studiato soluzioni comunicative su misura per te.

Il web da sempre può dare una spinta decisiva alle aziende che cercano nuovi clienti e a quelle che vogliono migliorare l’immagine della propria azienda. Credendo in queste potenzialità, hai realizzato il tuo sito.

Ma perché il tuo sito risulti ancora oggi al passo con i tempi, per niente sorpassato e trascurato con grande danno dell’azienda, è importante che sia aggiornato. Perché un sito curato e sempre aggiornato può essere la migliore testimonianza di un salto di qualità.

Ballarò, ieri sera

Che non si dica che qui si parla sempre male di Berlusconi, e per partito preso: non è vero niente. Noi (io) ne parliamo male perché dice e fa un sacco di cazzate. Troppe cazzate. E molto grosse anche.
Ogni tanto però ne dice una buona, e la battuta di chiusura del suo intervento di ieri sera a Ballarò lo è stata particolarmente: notevole per prontezza di spirito, e alla fine si ricorderà molto più di tutte le solite cazzate che aveva spruzzato prima. Televisivamente parlando, di solito recita solo dei monologhi, anche perché non si ricordano dibattiti in cui abbia trovato interlocutori all’altezza: di solito gli vengono abbinati zerbini travestiti da giornalisti, e anche così non l’ho mai trovato molto efficace (ribadisco: parlo di televisione, non di politica – o meglio: di dibattito politico in televisione, che non è proprio la stessa cosa)
Ieri sera invece, pur con un parterre di sinistra nettamente in vantaggio ai punti prima del suo intervento (sempre bravissima, la De Gregorio), li ha cappottati.
Fenomenale il tu tu tu tu tu finale.

May day may day

Qualcuno ha capito se anche quest’anno sportitalia trasmetterà le partite del campionato in diretta notturna col commento originale?
A badare alla guida programmi parrebbe di no, maledizione.

Le primarie viste da destra

Qualcuno si domanda quando verrà data la possibilità di scegliere agli elettori del PdL.

Chi scrive non riesce a nascondere un pizzico di invidia per quanto succede sulla riva sinistra del fiume e proprio non riesce a non dispiacersi del fatto che il centrodestra non sappia importare un modello, quello americano delle primarie, che dovrebbe essere nel dna di una forza autenticamente conservatrice (nel senso anglosassone del termine) e riformista come quella che aspiriamo a costruire.

Merito, competizione, opportunità: sono le parole su cui abbiamo fondato un credo sociale, politico, economico. Poi, però, ce ne siamo pressoché dimenticati , li abbiamo rinchiusi nel cassetto e abbiamo sfoderato una buona dose di immobilità sostanziale. Il posto fisso di Tremonti, tra parlamentari nominati e un partito senza democrazia interna, è già realtà. Almeno in politica.

Solo per Condor, sia chiaro

Un sentito vaffanculo a Flavio Mucciante, direttore di radio2.

Rivoluzione rischiosa a Radio2. Il direttore, Flavio Mucciante, sta cambiando i connotati della rete e c’ è chi teme che presto sarà irriconoscibile. A gennaio sparirà lo storico Fabio e Fiamma, chiuderanno Condor, Sumo e L’ altro lato. Alle 8 della sera è stato già chiuso. Di Fiorello e Viva Radio2 si sono perse le tracce. Ma il direttore va fiero delle new entry: Tiberio Timperi,

Intanto, a Maruggio…

Sapete che vi dico? Quasi quasi comincio a rivalutare il mortorio savese

Partecipazione in saldo

Ora, ci sarebbe da spiegare come mai a Sava fra gli iscritti Bersani ha preso 160 voti, e Franceschini 4, mentre alle primarie Franceschini vince 430 a 380, salvo che al regionale il candidato bersaniano rivince 730 a 2 … pare che dietro ci sia tutto un complicato meccanismo di conteggio e misurazione celolunghistica fra la corrente ex-socialista e il resto del mondo – ma uno sticazzi non ce lo vogliamo mettere?

Più interessante che a Sava non si pagassero due euri, ma uno soltanto: risparmio netto del 50%, ma non se n’è accorto nessuno.

Update: ecco i risultati finaliufficiali