Stavamo meglio quando stavamo peggio

La TAV è occasione per un confronto fra ieri e oggi per Cirino Pomicino.

dopo 15 anni il Paese è in uno stato di abbandono mai visto prima nel mentre quel debito che puntualmente ci viene messo sulle spalle è aumentato ad oggi di 12 punti ( dal 98% del ’91 al 115% di quest’anno) nonostante 15 anni di manovre finanziarie, 160 miliardi di ricavi per la vendita di aziende pubbliche e tre punti in più della pressione fiscale. A quell’epoca, in verità, c’erano i partiti con un folto gruppo dirigente e non solo i leader carismatici e la società di quel tempo non veniva continuamente sondata a mò della matrigna di Biancaneve ( dimmi, dimmi specchio delle mie brame…) ma governata.

Annunci

Un pensiero riguardo “Stavamo meglio quando stavamo peggio”

  1. Ma ci vuole proprio una bella faccia di c….. come solo la maggior parte dei democristiani può averla (insieme a quella di tanti socialisti riciclati qua e là).

    Forse il Cirino (per il quale Cossiga consigliava un manuale di Keynes) ha volutamente omesso di vedere (e riferire) la puntata di Presa Diretta andata in onda il 4 ottobre scorso. Un sommario riassunto di quel reportage descrive :

    “18 anni fa è stato presentato per la prima volta il progetto della TAV. Era prevista una spesa di 15 miliardi euro, quasi tutto da capitali privati. I politici dell’epoca, infatti, avevano promesso che l’opera si sarebbe in parte autofinanziata e che il 60 per cento dei quindici miliardi necessari alla sua realizzazione sarebbero arrivati da investitori.

    La realtà è stata ben diversa: i quindici miliardi sono già diventati 32 e ancora la TAV non è finita. Purtroppo l’alta velocità è tutta a carico del cittadino che la sta pagando con le tasse perché per trovare i fondi lo stato italiano si è indebitato per decenni. Ci vorranno due generazioni per saldare il debito che ha contratto.

    A Presadiretta Alessandro Sortino ha svelato la lunga catena degli appalti e dei subappalti della TAV per cercare le ragioni di questa vera e propria stangata per i conti pubblici”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...