Cultura di governo

Ignazio Larussa, al suo meglio.

Annunci

7 pensieri riguardo “Cultura di governo”

  1. lo sai che stavo per postare il link in un commento? secondo me è inutile e dannoso fare certe battagli di principio Italia. il crocifisso non dovrebbe stare nelle aule, è talmente evidente che non c’è bisogno di spiegare il perché. ma obbligare a toglierlo serve solo a dare fiato ai tromboni e ai fanatici. meglio lasciarlo dov’è, in fondo rappresenta, la repubblica dei borghesucci ipocriti: fatemi tutto, ma non toccatemi la foglia di fico che copre il mio abisso spirituale e rappresenta qualcosa, ma non mi ricordo bene cosa

  2. Non meriti repliche razionali. Il tuo odio irragionevole non ha limiti. Considerare il Crocifisso la foglia di fico di tromboni e fanatici e borghesucci ipocriti è il massimo della grettezza e della pretesa superiorità intellettiva senza riscontro oggettivo. Che avvenire per le prossime generazioni con quelli come te ! Meno male che siete mosche bianche…..ma molto nere.

  3. Invece bisogna ragionare razionalmente. Che centra l’odio in questo argomento. la sentenza della corte Europea è talmente ovvia anzi direi obbligata. Il Crocifisso è un simbolo che per noi cattolici è importante e secondo me Cristo morto in croce non dovrebbe disturbare nessuno. Però è un simbolo che rappresenta una religione. Oggi noi sappiamo che nele classi italiane, al sud meno, a volte ci sono più bambini musulmani o cinesi di bambini italiani cattolici, per cui dovremmo mettere anche i loro simboli religiosi. Che facciamo riempiamo le pareti. Quando eravamo tutti cattolici andava bene, ma ora no, e una questione di giustizia e di tolleranza, di rispetto per gli altri. Ragionare così non significa odiare, anzi è tutto il contrario.

  4. sicuramente Gesù era infinitamente più tollerante dei vari larussa che pretendono di difenderlo per principio (…o perché dei voti della Chiesa non si può fare a meno..?!?)

  5. la Francia governata dal conservatore Sarkozy ( e prima ancora da Chirac ed ancor prima da Pomidou e da De Gaulle, tutti comunistacci no?!) ha una grande maggioranza di cittadini cattolici ma da tempo immemorabile vieta l’esibizione di simboli religiosi nei luoghi pubblici (intesi come luoghi propri delle amministrazioni pubbliche: uffici, ministeri aule scolastiche e consiliari e quant’altro).

    nessuno dei sunnominati conservatori ha mia pensato di mutare questo principio, che afferma una cosa sola: lo stato è laico e di fronte ad esso i cittadini sono eguali rispetto alla religione che professano.

    beati lor che hanno avuto la rivoluzione frnacese verrebbe da dire!

    la corte europea non ha fatto altro che affermare questo principio. Non mi pare davvero che ci sia da stupirsi per così poco!!

    Personalmente la presenza del crocefisso non mi turba e posso capire che rappresenti un simbolo di comuni appartenenze e/o derivazioni religiose e culturali ma i cattolici anche se maggioranza non sono i soli cittadini di questo pese e tutti gli altri non devono neppure avere il sospetto che le proprie radici etico-culturali-religiose,seppur diverse e minoritarie sul piano numerico, siano in una condizione di minorità rispetto alla Pubblica Autorità.

    E’ evidente che tale esigenza di laicità da parte dello stato sia ancor più necessaria ed opportuna oltre che giusta , in un contesto storico e sociale i n cui le etnie presenti sul territorio statale sono molteplici e si voglia favorirne l’integrazione.

    Vive la France Vive la Revolution!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...