Poi uno dice Brunetta

Visto al cinema “Matrimonio e altri disastri”, mi hanno colpito tre cose. La prima è Margherita Buy, bella e brava, e senza il consueto canotto labiale delle sue coetanee.

La seconda è che nei titoli di coda è indicato il responsabile del “product placement”, cioè dell’inserimento nel film di prodotti e marchi a fine pubblicitario. In questo film evidentissimi Apple (un macbook pro, che per di più si rompe) e Fiat (panda 4X4 per la figlia intellettuale,  brera cabrio per il rampante fatto da sé). Insomma, il product placement è una professione riconosciuta, come lo sceneggiatore, o l’assistente di produzione.

La terza è che il film è stato finanziato con i soldi del ministero della cultura. Sarà pure un filmetto gradevole, pur con una sceneggiatura prevedibile come lo scudetto dell’inter, ma per quale motivo debba essere prodotto (anche) con soldi pubblici è per me incomprensibile.

Anche alla luce del punto due.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...