Calderoli, dove sei?

Fra le (pochissime) cose buone fatte da questo governo, c’è sicuramente la semplificazione delle procedure per la somministrazione dei farmaci stupefacenti (morfina e derivati, per capirci): dall’oppressiva regolamentazione finalizzata a prevenire un uso illecito dei farmaci da parte di tossici o spacciatori, si è data finalmente la precedenza alla necessità sacrosanta di semplificare l’accesso alla terapia del dolore da parte degli ammalati. Quindi via l’obbligo dell’utilizzo di particolari modelli ministeriali e anche dell’obbligo di annotare su appositi  registri di carico e scarico la movimentazione dei farmaci: alleluja.

Ne avevo già parlato qui, ma se lo ricordo è perché questo governo da operetta ha pensato bene di introdurre l’obbligo di un registro per… gli apparecchi elettromedicali ritirati in permuta.

Davvero, non sto scherzando.

E con tutta la classica serie accessoria di rotture di coglioni: versamento annuale per iscrizione al registro degli smaltitori, obbligo di tenuta del registro, produzione di ricevute, raccomandate di segnalazione del deposito, insomma… la solita gigantesca minchiata legislativa fatta per complicare le cose semplici con obblighi inutili fino renderle impossibili.

Ma non era il governo della semplificazione?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...