Te pareva

C’è una cosa che funziona in questo paese, pur fra varie difficoltà e distorsioni, ed è la legislazione a favore dell’energia rinnovabile. Il governo avrebbe potuto migliorarla, magari correggendo la definizione vaga di  energie assimilate alle rinnovabili, per cui vengono finanziate con gli incentivi anche produzioni di energia altamente inquinanti, come le centrali che funzionano ad olii minerali, e così via.

Invece, sapete che c’è?

Il governo decide di azzoppare tutto il comparto, e amen.

Gli operatori contestano soprattuto il tetto di 8 mila MW fotovoltaici previsti nel 2020, quando una nazione come la Germania, con una quantita di radiazione solare di gran lunga inferiore all’Italia, per la stessa data ha posto come obiettivo ben 52 mila megwatt, cioè un limite di quasi 7 volte superiore. «Il tetto incentivabile massimo di 8 mila megawatt totali per il fotovoltaico trasmette l’idea che le rinnovabili siano una malattia da limitare più che un’opportunità da sfruttare al meglio», dice Massimo Sapienza, presidente di Asso Energie Future. «Chi vuole eliminare una a una tutte le rinnovabili, prima l’eolico e poi il fotovoltaico? Che destino attende un Paese che distrugge sistematicamente le proprie opportunità di sviluppo?»

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...