Il viceré di Sava

Da qualche mese, all’andata in pensione del direttore di ragioneria del comune di Sava, è subentrato in quel ruolo il presidente del collegio dei revisori dei conti – in pratica, il capo di quelli che controllano i conti del comune.

In più, siccome il segretario comunale è assente da lungo tempo per motivi di salute, allo stesso funzionario è stata assegnata anche la carica di vice-segretario comunale, di cui svolge le funzioni.  Per lo stesso motivo, gli è stata assegnata anche la direzione del servizio ecologia. In più, mi dicono abbia anche la direzione dello sport, degli affari generali, e non so cos’altro. In pratica tutto, tranne l’ufficio tecnico, l’anagrafe, e i servizi sociali.

Da notare che il funzionario di cui sopra, di ruolo presos il comune di Lizzano, svolge il suo ruolo a orario dimezzato.

Se poi vi domandaste chi è che ha preso il suo posto come presidente dei revisori dei conti, la risposta è: nessuno, il posto è ancora vacante in attesa che Pd e resto della coalizione trovino un’intesa.

In pratica, in pochi mesi da “controllore” dei dirigenti, a superdirigente del comune senza controlli, o quasi.

2 pensieri riguardo “Il viceré di Sava”

  1. Dovrebbe averlo preso il più anziano dei due candidati che hanno conseguito una votazione paritaria, credo. Pare che dal 1 gennaio 2012 il collegio dei revisori non sarà più “nominato” dai controllati ma seguirà altri iter, più logici. Cmq al momento per fortuna che c’è il vicerè! Immagina se non ci fosse … :s

  2. Certo fa senso essere amministrati da un forestiero per il quale io personalmente non nutro grande interesse, come tecnico. Non solo ora, ma da tempo, già ai miei tempi di assessore, il controllato si identifica con il controllore Mi faccio una domanda; atteso che non è un marziano, se riesce a coprire tanti ruoli in metà del suo tempo, vuol dire che sono inutili tanti dirigenti. Avevo ragione. Ritengo che siano troppi anche gli impiegati come sono troppi ed inutili tanti assessori, ne basterebbero solo quattro. Condivido in pieno ciò che ha fatto il Sindaco (mi sembra di Modugno) Giorgino, che ha sospesso tutti gli incarichi dirigenziali il cui operato evidentemente non rispecchiava lo spirito della Legge Bassanini. Autonomia operativa ma su indirizzo politico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...