Quale onore

(togliamo la polvere al blog)

Sull’ultimo numero di Democraticamente ho raccontato le ultime vicissitudini dell’amministrazione Maggi, eccone i passi salienti:

IoSud, che pure è stata importante sostegno in consiglio comunale per Maggi negli ultimi tre anni, ha dichiarato di non aver deciso con chi schierarsi nella prossima competizione elettorale, ma anzi di aver avviato trattative con PDL e Alleanza di Centro, attualmente all’opposizione. Da qui la presa di posizione di sinistra e Libertà, che, con le dimissioni del suo assessore Patané, sancisce la rottura col sindaco Maggi, e anzi la costituzione del tavolo della sinistra alternativa con SeL, Italia dei Valori, di nuovo ricostituitasi a Sava, e Sava in Movimento. A base di questo progetto “la discontinuità dall’attuale amministrazione”. Detto da chi ha operato in giunta per 4 anni e dieci mesi, non è niente male, come affermazione!

Le dimissioni di uno solo degli assessori di IoSud, contribuiscono poi a rendere la situazione ancora più complicata.

Da allora le cose sono evolute ulteriormente: Ciro Buccoliero è diventato assessore (auguri!), se ne è andato l’assessore Saracino, e qualche giorno fa sono stato onorato di una risposta da parte di SeL, che ha addirittura diramato un comunicato-stampa per rispondere alle mie ironie.

In sostanza, la posizione di SeL è che il partito durante questi cinque anni si è sempre battuto per fare le cose per bene, ma che purtroppo le colpe dei fallimenti amministravi sono da ricercarsi nel Pd e nell’entrata di IoSud in coalizione (oltre che mie, ovviamente: ma su questo torno dopo)

Ricapitolando: SeL è stata fedele alla coalizione che amministra tutt’ora Sava per quattro anni e dieci mesi. In nessun caso la sua voce è stata dissonante dalle altre, nemmeno quando sono stati emessi provvedimenti porcata: la denuncia dei giornalisti poco allineati, le dubbie delibere di transazione, e via andare. Solamente un paio d’anni fa, il partito di Sileno ha minacciato di uscire dalla maggioranza se non si fossero aperti il centro per disabili e quello per gli anziani ormai pronti da anni. I centri sono ancora lì, chiusi com’erano allora, siamo rimasti oltre un anno senza assistente sociale ma l’assessore ha abbandonato la giunta  solo per  la decisione di ioSud di ritornare col centrodestra.

Logica singolare: SeL fa parte della coalizione, non combina praticamente niente per quasi cinque anni (sempre per colpa degli altri, ovviamente)  e quando questi altri manifestano l’intenzione di cambiare coalizione, invece di festeggiare la ritrovata “purificazione” della sinistra, si sbatte e strepita fino ad abbandonare la coalizione per protesta, anche quando gli assessori di ioSud vengono infine “dimissionati”.

Per ultimo, trovo molto divertenti le considerazioni sul sottoscritto contenute nel comunicato: non sarebbe vero che la situazione è confusa, l’unico confuso sarei io, e sarei pure responsabile del fallimento del centro-sinistra. Non ho capito bene per quale motivo, però: se perché ne ho fatto parte, o perché ho deciso di uscirne.

Me lo farò spiegare meglio.

Come ciliegina sulla torta, mi viene suggerita una severa autocritica. Da che pulpito, accidenti!

Insomma, io sarò anche confuso, ma su una cosa mi sento di tranquillizzare con certezza Mimino Sileno e SeL: non hanno bisogno di me per distruggere la credibilità del centro sinistra, ci riescono benissimo da soli – anche senza il Pd.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...