Crisi dei mercati: una lettura scientifica

Interessante studio della crisi finanziaria effettuata dall’Istituto dei Sistemi Complessi del CNR.

Infatti, se nel breve periodo la forte interdipendenza dei singoli attori e la condivisione del rischio (come nel caso dei mutui subprime americani) rende “fluido” il mercato, con l’effetto che chi ha rischiato eccessivamente non ne paga subito le conseguenze, alla lunga l’intero sistema va verso una situazione d’instabilità globale e i singoli nodi della rete bancaria-aziendale divengono molto fragili rispetto ad una crisi locale, con l’effetto di una propagazione rapida di questa crisi all’intero sistema.

(dal blog di Alessandro Pasini)

Qui una presentazione dello studio da parte degli stessi autori

Calmi, stiamo calmi

E’ del tutto irrazionale, lo so. Ma quando,dopo i disastri degli ultimi due giorni ho provato a collegarmi all’home-banking dell’Unicreditbanca e ho trovato questo, mi sono vagamente inquietato.