Curve

Un bellissimo articolo di Stefano Nazzi sulla situazione nelle curve degli stadi italiani. Non perdetevi i commenti al post.

E la soluzione sarebbe la tessera del tifoso, che è diventata un bancomat

Il dodicesimo uomo

Ecco il motivo per cui non vado più allo stadio, anzi uno dei due. L’altro è che è più o meno come la politica: noi a credere, discutere, litigare, e loro a vendersi tutto il vendibile.

Dire figlio di puttana va bene, usare il fischietto va benissimo, deridere chi è in difficoltà è perfetto. Però buuu no, non si può. Bisognerebbe parlare di etica sportiva e di spettatori che fanno schifo per il modo in cui si accostano alla partita, invece il fanciullino che è in noi scrive che il razzismo è brutto (come le guerre, l’ipocrisia, l’evasione fiscale, le ragadi anali). Inutile dire che siamo dalla parte di Balotelli e che il colore della pelle non c’entra: da buttare, o almeno da lasciare a casa, è proprio il dodicesimo uomo in campo.

(indiscreto)

Sono anni così

Parlando di calcio, in questo fine settimana sono stati esonerati entrambi gli allenatori delle “mie squadre”, Torino e Taranto.

Parlando di basket, invece, quasi.

Coach Reggie Theus played the part of President Franklin D. Roosevelt after Sunday’s practice, knowing that losing 11 of 12 games is a Great Depression of sorts for restless Kings fans and looking to address his critics rather than run from this reality.

So he sat down inside the media room at the team’s practice facility, an unprecedented and unprompted change in scenery from his typical on-floor interviews.

There he discussed the sorry state of this union and the fact that even he doesn’t know how much longer he will remain at the helm.

(Sacbee.com)

Ps: leggo adesso che a Torino ritorna Novellino. Questo vuol dire che fra due mesi ritorna De Biasi. E dopo altri due di nuovo Novellino. E poi di nuovo De Biasi, poi ancora Novellino and so on.