Chapeau!

E’ vero che a Sava tutto è permesso, quindi non c’è da stupirsi che si chiuda un pezzo di una strada importante per una manifestazione organizzata da privati, tra l’altro è già successo – e a Sava, si sa, c’è la logica del precedente: tutto quello che è già successo ha l’automatico diritto di accadere di nuovo.

Ma i vigili urbani un cartello con su scritto “FRANCAVILLA” con la freccia a sinistra al monumento potevano pure metterlo, no?