Il Pd è quel partito che *tutti* pensano funzioni male solo nel proprio paese

Uno avrebbe una figlia piccola da accudire, un lavoro da portare avanti, sonno da recuperare, articoli da scrivere… e invece si ostina a parlare del pd. Comunque la novità è che stasera alle 18:30, nella sede del partito si terrà il congresso di circolo. Non è stato avvisato nessuno, o quasi, e comunque solo per telefono nelle ultimissime ore: il coordinatore Mancarelli pare non avesse nemmeno intenzione di convocarlo, e solo il rischio che questo potesse invalidare il congresso provinciale per la mancanza dei delegati del circolo di Sava lo abbia convinto a procedere all’ultimo momento.

E infatti si dice sarà un congresso farsa, buono solo per scrivere una lista di delegati provinciali e non per defnire, dopo più di un anno di fermo assoluto, la nuova dirigenza locale del partito.

Pare infine che la componente maggioritaria del partito (=Bruno D’Oria) abbia da tempo manifestato l’intenzione di non partecipare. Da qui i dietrologi di piazza già disegnano scenari avveniristici per la prossima campagna elettorale per le comunali, ma c’è sicuramente tempo per parlarne.

Intanto, sabato prossimo, in sala Amphipolis, Dario Iaia presenta il suo Patto per Sava.

Io ci sarà.

La Bulgaria è vicina

Alè, finalmente i conti tornano: Parisi è IL candidato alla segreteria provinciale del PD, dopo oltre un anno di vuoto pneumatico all’interno del partito.

Poi toccherà ai congressi-farsa dei circoli, immagino. Chissà che fila al tesseramento!

Scopa!

Pare che all’interno del Pd finalmente i conti  tornino:

La quadratura del cerchio in casa Pd sembra essere stata raggiunta. Le due caselle, quella del segretario provinciale e quella del segretario cittadino, sono state riempite con i nomi di Francesco Parisi, già segretario provinciale della Sinistra giovanile, e di Tommy Lucarella, attuale presidente della Circoscrizione Talsano-Lama-San Vito. Sul nome di Tommy Lucarella ci sarebbe, infatti, la convergenza di gran parte del partito nonchè anche di chi, in precedenza, era stato candidato a ricoprire quel ruolo.

A questo punto, pare inizi la stagione provinciale dei congressi, visto che i capi si sono messi d’accordo.

Ora si tratta solo di capire se c’è ancora qualche tesserato interessato a parteciparvi.