Consiglio comunale del 01-07-08

Approvata la convenzione per il parco eolico, con numerosi emendamenti al documento originale che blindano gli interessi del comune e rendono improbabili le possibili speculazioni a danno della comunità.

Le principali sono :

* l’approvazione della convenzione non costituisce parere vincolante per il Comune, che verrà espresso nella sede della conferenza dei servizi prevista per legge alla presentazione del progetto da parte della ditta

* l’eventuale cessione del diritto alla realizzazione del parco eolico è soggetta al parere vincolante del consiglio comunale

Inoltre sono state aumentate le royalties per il Comune e per i proprietari dei terreni.

I correttivi richiesti dal Pd, e anche dall’opposizione, hanno reso il provvedimento molto più “digeribile”: ben fatto!

Approvato anche il regolamento comunale che disciplina l’erogazione del contributo per lo smaltimento dei reflui nei siti di depurazione, ma è sostanzialmente uguale all’ordinanza nel frattempo emessa dal sindaco.

Blowing in the wind

Riunione nel pomeriggio nella sede del Pd, tema in discussione la prossima presentazione in consiglio comunale della proposta di convenzione con SavaEnergia per la realizzazione del parco eolico in località Torre/Cicedda.

Singolare come la forma societaria di questa azienda sia la “società semplice”, il che parrebe suggerire una certa difficoltà ad intrattenere rapporti economici con Enel, o enti Pubblici. Infatti ad una eventuale visura camerale non comparirebbero nemmeno i nomi dei soci, ma solo quello dell’amministratore, di cui peraltro nessuno sembra conoscere l’identità. Almeno nel Pd…

Molti pensano al caso Delfogas, a cui negli anni ’80 il comune di Sava assegnò l’appalto per la realizzazione della rete di distribuzione del metano. Questa però anni dopo, senza aver aperto nemmeno una buca, cedette i diritti alla Camuzzi realizzando così un affare enorme a costo 0. O quasi… ma di questo nessun sa, ovviamente.

Insomma, nessuno si stupirebbe se questa Sava Energia servisse solo a mettere capello sui diritti per la costruzione del parco eolico, da rivendere/subappaltare profumatamente alle aziende che poi realmente realizzeranno l’intervento.

Qualcuno pensa ai potenziali introiti per il comune ed è favorevole. Qualcuno pensa sotto ci sia una magagna, e mugugna.

Il sindaco cerca febbrilmente i numeri in consiglio comunale…

update: i consiglieri pd sembrano orientati verso voto favorevole, quasi tutti. Si intravede maretta nel partito del SIndaco, qualunque esso sia.

Venti di guerra

Al comune in questi giorni tiene banco la questione energia eolica.

Qualche mese fa, un’azienda con sede in Avetrana ha richiesto il permesso di installazione per una ventina di pale da circa 3MW l’una in località Cicedda, per capirci sulla strada per Francavilla Fontana, quasi a ridosso del confine di provincia.

Nell’ultimo Consiglio Comunale, fra gli ultimi dei 27 punti all’ordine del giorno, ha fatto capolino la proposta di convenzione fra il Comune di Sava e la ditta interessata all’installazione del parco eolico. Pare che prima non se ne fosse discusso per nulla, e che questo abbia spiazzato non poco i consiglieri di maggioranza.

Le commissione consiliare si è poi riunita per analizzare il testo ma sembra che sia ancora tutto in alto mare.

I potenziali benefici economici per il comune di Sava si dice siano astronomici, pare circa 300000€/anno. Altrettanto grande però è il potenziale sfregio ambientale paesaggistico, ancora da valutare. Parliamo di torri di circa 90 metri, con rotori di circa 40 metri di diametro. Moltiplicato tutto per 20.

Come sempre quando le cifre in ballo sono così alte, c’è molto nervosismo nell’aria, un po’ come quando si parla di risparmio energetico nella illuminazione pubblica, o appalto della raccolta RSU…

Solo due considerazioni, per ora:

  • è impossibile che una questione come questa si affronti senza che vi sia il minimo coinvolgimento della cittadinanza
  • ancora una volta, Sava paga la drammatica mancanza di una efficace pianificazione del territorio, funzionale al suo sviluppo come alla sua conservazione.

eolico.jpg