150 anni, parecchi da dimenticare

Le opere pubbliche non si completano, le gare d’appalto non si bandiscono, ma se c’è una cosa inutile , se non dannosa, puoi star certo che l’amministrazione Maggi la farà per certo, con caparbia determinazione.

 

 

Io non ci volevo credere

Invece purtroppo è  vero: con la delibera di giunta n.200 del 30settembre, l’amministrazione Maggi ha deciso di porre sulla facciata del comune una lapide commemorativa del 150° anniversario dell’unità d’Italia.  L’idea è di un anonimo concittadino che lo ha proposto al comune e ne ha finanziato la realizzazione.

Che sarebbe questa.

Ok, è gratis.

Ok, c’è il parere positivo (!!) della sopritendenza ai beni culturali.

Ok, bisogna commemorare il 150° dell’unità d’Italia.

…ma non si poteva scriverla in italiano? Per forza bisognava scimmiottare quest’a retorica del primo novecento?

La perla poi è alla fine, ovviamente.

“governando la quarta Amministrazione Maggi, imperitura si pose”.

Per dirla con le parole dell’anomimo, ricordiamoci di questi amministratori facondi che mestamente stanno profumando la nostra casa comunale.