A macchia d’olio

Il consiglio comunale di ieri sancisce il prossimo allargamento dell’attuale maggioranza a Noisud.
E il sindaco ha dichiarato ufficialmente di essere del Pd.
E sabato riunione del Pd in Sala Amphipolis.
E io ci vado, fuscenno!

La pratica e la teoria

Mentre in vista del congresso di ottobre nel pd ci si arrovella sulla linea del partito in tema di alleanze la realtà avanza: a Bari Emiliano ha offerto l’assessorato del mezzogiorno alla Poli Bortone, a Taranto come a Manduria viene azzerata la giunta comunale per permettere l’allargamento della maggioranza al centro di Udc e Noisud.
Insomma, al centro si discute, in Puglia la linea D’Alema prende piede.
Ma l’impressione non è di forza, ma di debolezza: sia Massaro che Stefano senza “centro” non avrebbero i numeri per continuare il proprio mandato.
La situazione savese non pare dissimile: malgrado la riunione di ieri sera non abbia avuto esito positivo, il percorso sembra segnato: noisud manda segnali positivi, e i precedenti regionali aiuteranno Maggi a portare a termine l’operazione.
Sarà magari doloroso (per lui) sacrificare Calasso, ma se ne farà presto una ragione, o magari troverà il modo d’infinocchiare qualcun altro.
Ah, dimenticavo… Maggi è del Pd, no?

Problemi grossi, ma non seri

Si dice che la questione del giorno, anzi della settimana, forse del mese, per la maggioranza che sostiene la nostra amministrazione comunale (Bruno D’Oria), e se NoiSud debba entrare a far parte anch’essa del caravanserraglio.