La Casa Dei Film: “Burn After Reading”

Visto che a Sava il cinema è aperto solo il sabato e la domenica (e la programmazione è quella che è) per vedere un film decente siamo andati a Oria, dove è aperto tutti giorni ed è pure multisala.

Il film era “Burn after reading” dei fratelli Coen, quelli di Fargo, Non è un paese per vecchi ecc.

A questo punto, il racconto della trama è della socia:

Di che parla?

Di uno schizzato amante dell’alcol che lavora alla CIA, viene licenziato e scrive un memoriale coi segreti che conosce. Ha una bella barca e una moglie stronza che ha sua volta ha un amante idiota. Il memoriale finisce nelle mani di un’altra pazza nevrotica che si vuole rifare da capo a piedi e pensa di poter approfittare dei segreti trovati per finanziare le sue operazioni. E’ aiutata nell’impresa da un allenatore di palestra fanatico e demenziale.

Una sceneggiatura perfetta rivela man mano che il film avanza la stupidità disarmante dei personaggi: soprattutto gli uomini, che vanno dallo stupido-demente (Pitt), allo stupido-finto-in gamba (Clooney), ma anche le donne, totalmente prive di scrupoli e di un tale cinismo da dominare totalmente la scena di questa movimentata spy story. Il finale poi, è strepitoso.

Insomma, un film belllissimo, dove i fratelli Coen, con il loro sguardo beffardo e disincantato e aiutati da un cast stellare in stato di grazia, scrivono un altro capitolo del loro personale trattato sulle miserie umane.