Il viceré di Sava

Da qualche mese, all’andata in pensione del direttore di ragioneria del comune di Sava, è subentrato in quel ruolo il presidente del collegio dei revisori dei conti – in pratica, il capo di quelli che controllano i conti del comune.

In più, siccome il segretario comunale è assente da lungo tempo per motivi di salute, allo stesso funzionario è stata assegnata anche la carica di vice-segretario comunale, di cui svolge le funzioni.  Per lo stesso motivo, gli è stata assegnata anche la direzione del servizio ecologia. In più, mi dicono abbia anche la direzione dello sport, degli affari generali, e non so cos’altro. In pratica tutto, tranne l’ufficio tecnico, l’anagrafe, e i servizi sociali.

Da notare che il funzionario di cui sopra, di ruolo presos il comune di Lizzano, svolge il suo ruolo a orario dimezzato.

Se poi vi domandaste chi è che ha preso il suo posto come presidente dei revisori dei conti, la risposta è: nessuno, il posto è ancora vacante in attesa che Pd e resto della coalizione trovino un’intesa.

In pratica, in pochi mesi da “controllore” dei dirigenti, a superdirigente del comune senza controlli, o quasi.