E pure questa

A proposito del solito patetico balletto di cifre fra manifestanti e questura, Gasparri viene smerdato da Enzo Letizia, del sindacato dei poliziotti:

Quello del calcolo dei partecipanti è problema di quinta elementare. A Roma sono arrivati 770 pullman, secondo le stime di funzionari di polizia comandati in piazza. Tenuto inoltre conto che il numero massimo per metro quadro è di 4 persone, che i funzionari hanno visto le riprese effettuate dagli elicotteri per l’intera durata della manifestazione e che essendo nota la superficie della piazza e delle vie adiacenti, il calcolo approssimativo dei manifestanti è problema di quinta elementare. Perciò invitiamo il senatore Gasparri a farsi fare i conti da persone che abbiano la dovuta competenza, evitando di pensare che eventuali problemi organizzativi possano essere mascherati accusando i funzionari di polizia della questura di Roma».

(Via Carletto Darwin)

Ah, questa me l’ero persa

In verità ho perso anche tutto il resto, ma questa è troppo grossa per non essere citata:

Vogliamo anche vincere il cancro, che colpisce ogni anno 250.000 italiani e riguarda quasi 2 milioni di nostri concittadini.

E sconfiggere la morte, no?

Savese inside

Una volta al netto di quello spirito un po’ snob che ci prende a noi che, avendo fatto l’università a Bari, siamo convinti di essere uomini di mondo, ecco, dicevo, superata quella fase lì, la festa patronale ci piace assai.
Le bancarelle, la banda, i venditori di affetta agrumi che raccolgono sempre caterve di curiosi (ma poi comprano?), e lo struscio sul corso, e la birra in piazza sul tardi… mi mancheranno, quest’anno.