Scienziati della comunicazione

Premesso che l’enormità del “conflitto d’interessi” è fuori discussione, e che il provvedimento sull’iva delle pay-tv venga preso da un concorrente è roba da repubblica delle banane, mi sforzo però di essere obiettivo e mi dico:

L’iva agevolata per le pay-tv è o non è una cazzata? Per me, buona la prima. Né più né meno del bonus sul frigorifero, o sul decoder digitale.

Ma soprattutto, visto che in molti nel PD hanno sostenuto l’irrilevanza dei 40 euro al mese della social card (elemosina!), ora come fanno gli stessi a scandalizzarsi per gli eventuali aumenti di 4/5 euro del canone SKY?

PS appena sentita al tg3 la stessa tesi sostenuta da un esponente del PdL di cui mi sfugge il nome. Bene, ora mi tocca pure essere d’accordo con lui. Grazie Uolter.

Update: qui trovate un approfondimento molto interessante sul caso iva-sky che ha messo in crisi la mia considerazione che l’iva agevolata fosse una cazzata. CI penserò. Ma non tanto.

Update2: qui invece la storia delle aliquote iva delle televisioni satellitari, dai tempi di telepiù

Annunci

Finanza cretina

Ma una social card che va a chi ha redditi da pensione inferiori a 6000 euro lordi annui in un paese dove la pensione minima era stata portata anni fa a551 euro al mese (cioè a 6600 euro all’anno) non puzza di presa per i fondelli?

(Macchianera)

Il titolo del post è preso in prestito da Jonkind.