La politica del mio governo è dare casa, lavoro, istruzione e assistenza sanitaria ai migranti”

Berlusconi intervistato dalla “sua” televisione tunisina. Maroni sarà d’accordo?

Perché se in Italia il presidente del Consiglio ha bisogno di assecondare, sul tema, la propaganda leghista, dall’altra parte del Mediterraneo l’uomo d’affari Berlusconi ha un mercato di 80 milioni di telespettatori da conquistare. Spettatori che hanno quindi potuto apprendere di come la politica del governo italiano sia tesa ad “aumentare i canali di ingresso legali” e a garantire, ai migranti, “casa, lavoro, istruzione” e -udite udite- “l’apertura di tutti i nostri ospedali alle loro necessità”, perché “pure gli italiani sono stati emigranti, e quindi devono aprire il loro cuore a chi oggi viene in Italia”.

(Daniele Sensi)

Ta-Da!!

In nemmeno quattro anni eccoti subito serviti i parcheggi a pagamento! Da martedì 1 settembre.

Sottoscrivo

Mentre il premier si avvoltola nel suo autunno di bugie e di isolamento mondiale, i due maggiori aspiranti alla leadership dell’opposizione che fanno?

Comprano tessere in Calabria come i dorotei negli anni ‘60.

Si lottizzano il brandello avanzato di Rai, come il Pci degli anni ‘70

Si spartiscono poltrone di sottopotere ben pagate, come i socialisti degli anni ‘80.

Si inventano sondaggi su misura, come Forza italia negli anni ‘90.

Ecco: non penso che Ignazio Marino abbia la bacchetta magica, ma più vedo i due burofaccendieri all’opera più penso che valga la pena di votare il terzo candidato.

(Piovono rane)

Rapine di serie B

Un paio di giorni fa, un nostro concittadino è stato picchiato e derubato nella sua villetta da una banda di quattro delinquenti. Ho ascoltato per caso in farmacia un racconto di prima mano dell’accaduto, e devo dire che ne sono rimasto turbato. Sono cose che sentiamo spesso in tv, “bande che terrorizzano la pianura padana”, e sembrano lontane, lontanissime.
Invece non lo sono, e siamo già al secondo caso in pochi mesi.
Ma in tv se ne parla solo se i rapinatori hanno l’accento straniero, evidentemente.

Due coniugi 60enni sono stati rapinati nella loro villetta di Vermezzo, nel Milanese. I due malviventi, con accento straniero, forse dell’Europa dell’Est, col volto coperto e armati di pistole, hanno minacciato e picchiato selvaggiamente il padrone di casa per farsi aprire la cassaforte.

[vendo] 2 biglietti per il concerto di Udine dei Coldplay

Visto che il sig. Ebay si è incazzato e mi ha rimosso l’inserzione, lo scrivo qui: dato l’improvviso aattacco di fillossera che ci colse, io e la socia non andremo a Udine per il concerto dei Coldplay. Se qualcuno fosse interessato, la mia email è qui affianco.

Milanese non si nasce, si diventa

Vengono in farmacia con un’aria apparentemente sicura e determinata, ma non abbastanza da cancellare il dubbio che li rode: si vede che non sono più come voi, che ormai sono “di su”?
Così domandano chiedono s’informano, ma con l’unico scopo di far notare il “nuovo accento”, simbolo ormai di appartenenza – tanto da non avere alcun interesse per le risposte.
Così capita che qualcuno ti chieda un apparecchio per la misurazione per la glicemia “che tanto a voi li regalano” (vero) e “io il mio l’ho dimenticato su a casa” (probabilmente falso), e quando ti informi su che apparecchio avesse usato in precedenza ti senti rispondere: “sa, non so, vengo da Milano”.
Avrei potuto chiedergli “lei è allergico agli antinfiammatori?”, oppure fare la supercazzola, sarebbe stato uguale.