Separati alla nascita

ferrerconte

Annunci

Dalla nostra inviata nella città proibita

Riceviamo e volentieri pubblichiamo: “il paretone cinese non è tutto ‘sto granché”

no, non è Famila

casa_disabili

E’ la casa-alloggio per disabili sulla via per Manduria, in contrada Tostini, che è ormai in via di compleamento.

Aldilà dell’aspetto, che ricorda più un ipermercato che una struttura dei servizi sociali, si tratta di una struttura unica in tutto il nostro distretto, che garantirà un suporto alle tante famiglie savesi e non toccate dalla disabilità.

E’ un progetto nato nel 2002… giusto per dare un’idea della velocità con cui vengono realizzate le opere pubbliche a Sava.

Continua a leggere “no, non è Famila”

Non è mai troppo tardi

Domani viene discusso il bilancio di previsione 2009, finalmente. Probabile però che venga rinviato di una settimana per consentire un adeguato studio dei documenti da parte dell’opposizione.

Non che la maggioranza lo conosca meglio… In ogni caso non sono previste sorprese, sembra assodato che solo uno dei tre dissidenti non voterà a favore.

Le primarie del PdL

Il presidente è a vita e rappresenta il partito, ne dirige il funzionamento e la linea politica e programmatica. Sceglie i 34 membri dell’ufficio di presidenza, sottoposti al voto del Congresso ma con una lista unica senza nomi alternativi. Convoca e presiede lo stesso ufficio di presidenza, la direzione e il consiglio nazionale. Ne stabilisce l’ordine del giorno, procede alle nomine degli organi del partito e assume le definitive decisioni.

(dallo statuto del PdL, via Gilioli)

Quello che mi piace del PD

Un bellissimo blocco-notes verde col simbolo del partito e le pagine a quadretti. Ma se l’è preso Ciro.

Non so se mi sono capito

Domenico Rana, Matteo Di Giorgio, Giuseppe Tarantino, Martino Tamburrano: è questa la rosa dei nomi dalla quale uscirà il candidato del Pdl e di AT6 alla presidenza della Provincia. L’intesa tra il Popolo della Libertà e la Lega d’Azione Meridionale passa da una di queste quattro vie. «Ho già l’accordo con il ministro Raffaele Fitto», ha annunciato stamattina Giancarlo Cito, in una conferenza che sembra essere stata convocata per rimarcare il suo ruolo determinante nel centrodestra. «Con Fitto ci siamo stretti la mano, l’accordo non è in discussione»

Poi un “avvertimento” «agli uomini di Florido» («se continuano ad attaccarmi, gliela canto io la serenata sulla Provincia») e infine una profezia su Stefàno: «Dopo le elezioni se ne andrà a casa».

(Tarantosera)

In cambio, appare scontata la candidatura del figlio di Cito, Mario, alle europee nella lista PdL.